William Hill Casino
calcio mercato

La tua pubblicità qui!
Contattaci

Lunedì 22 Gennaio 2018
NOTIZIENOTIZIE

02/04/2013 - Come riporta diggita.it, il Cagliari non giocherà mai più nell'impianto di Is Arenas. Lo ha annunciato oggi la società stessa attraverso una lettera inviata al Comune di Quartu e presto le tribune saranno smontate dagli operatori rossoblù. I motivi della decisione sono chiari a tutti: dopo l'arresto di Cellino e il sindaco Contini, il comune quartese ha negato più volte l'apertura dello stadio ai tifosi, sempre per motivi diversi, che hanno portato allo sfogo di Marroccu prima della partita con la Fiorentina.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata il passaggio di responsabilità tra prefetto e comune per l'apertura a capienza ridotta dello stadio e ora il futuro della maggiore società sarda di calcio è incerto.

Come se non bastasse il vice sindaco di Quartu avrebbe accennato ad alcuni lavori che dovrebbe fare il Cagliari Calcio: rendere disponibile via Olimpia, allacciare rete elettrica alla nuova cabina ed allacciare gli impianti fognari alla rete di Abbanoa. Per quanto riguarda il primo problema, però, la società non può fare nulla senza i permessi del comune, negli altri due casi Enel e Abbanoa si rifiutano di allacciare a causa dei debiti di Quartu verso le due società.

Ma ora dove giocherà il Cagliari le prossime partite? Difficile, o meglio impossibile, un ritorno al Sant'Elia, abbandonato da tutti dopo il trasferimento del Cagliari a Quartu. L'unica vera opzione sarebbe il Nereo Rocco di Trieste, stadio dove il Cagliari ha giocato il finale della scorsa stagione e stadio designato dalla società ad inizio stagione come campo per le partite casalinghe.
Sembra quasi un pesce d'Aprile ritardato, ma purtroppo per i tifosi sardi non lo è. L'incubo stadio, che dura da più di un anno, non è ancora terminato.

 


 

IlCalcio24 Redazione
  • ad un amico
   Seguici su Facebook

La tua Pubblicità Qui!

Tel.
Fax
e-mail : @.it
Responsabile Settore Pubblicità

Cell.

Info