William Hill Casino
calcio mercato

La tua pubblicità qui!
Contattaci

Martedì 18 Giugno 2019
NOTIZIENOTIZIE

Torino, 09/04/2019 -

L’esplosione di Moise Kean nella Juventus, ha creato nell’ambiente bianconero, ma soprattutto in Allegri, una sorta di dubbio amletico di non facile soluzione tattica. Da qualche settimana è ormai consueta la domanda fatta dai media all’allenatore della Juve, riguardo la candidatura a titolare di Moise Kean. Sembra diventato l’argomento principe e anche monotematico, in un finale di stagione che per la Juve si presenta palpitante di emozioni. Tuttavia, nonostante il 19enne ragazzo vercellese dal possente fisico realizzi gol determinanti per la Vecchia Signora d’Italia, Allegri non si sbilancia e si rifugia su argomentazioni legate soprattutto alla crescita mentale del ragazzo. Un po’ come volerlo preservare strenuamente da eventuali sbandate, che sono tipiche della giovane età di Moise. Tuttavia, crediamo che adesso la questione sia giunta a un punto d’arrivo, per cui il mister livornese dovrà prendere delle decisioni senza la ritrosia di timori legati a questo talentuoso atleta che ha l’unico “torto” di essere cresciuto troppo in fretta, con il pericolo di bruciare una carriera che in questo momento appare davvero stellare. Ma adesso incombe la Champions, per cui certe decisioni devono essere prese con coraggio e a ragion veduta. Mercoledì sera ad Amsterdam la Juventus affronterà ai quarti di finale l’Ajax, una squadra giovane, capace di produrre un ottimo calcio e anche abile nella corsa forsennata per 95 minuti e oltre. Molto probabilmente rientrerà Ronaldo. Una nota lieta per la Juve e i suoi tifosi, ma che secondo noi crea ancor più problemi ad Allegri nel disegnare tatticamente una squadra che, per sua scuola di pensiero, non deve essere troppo spregiudicata. E anche se da più parti si evoca la presenza di CR7 e Kean come coppia d’attacco, pensiamo proprio che Allegri (almeno all’inizio) difficilmente rinuncerà a quel bilanciamento tattico tra attacco, difesa e centrocampo, che gli assicura Mario Mandzukic. Ma la domanda è: “Come potrà il croato, affrontare con il suo passo notoriamente lento, questi olandesi dalla corsa forsennata?” Noi opteremmo per un atto di coraggio, presentando una Juventus con la difesa a tre, il centrocampo a cinque e due punte vere. Una sorta di 3-5-2 che in fase di interdizione potrebbe diventare 5-3-1-1 con la coppia d’attacco a dare man forte a centrocampo e in difesa. Un aprirsi e chiudersi a ventaglio, sfruttando soprattutto gli esterni in fase di ripartenza e poi di interdizioni. Comunque, sarà una Juventus che non potrà rischiare di fare una partita come quella fatta all’andata contro l’Atletico Madrid. Per questo riteniamo che vista la forza di questo giovane Ajax dal gioco esuberante e possente sotto l’aspetto atletico, la Juve debba controbattere non solo con la superiorità tecnica, ma anche con la capacità di andare a pressare alto senza mai arretrare il baricentro del centrocampo. Una partita coraggiosa che pregiudica grande preparazione atletica nell’andare a pressare alto l’avversario, disponendosi in maniera da essere padroni del centrocampo. Vedremo questo mercoledì sera? I tifosi juventini lo sperano!

Salvino Cavallaro  

Salvino Cavallaro
  • ad un amico
   Seguici su Facebook

La tua Pubblicità Qui!

Tel.
Fax
e-mail : @.it
Responsabile Settore Pubblicità

Cell.

Info