William Hill Casino
calcio mercato

La tua pubblicità qui!
Contattaci

Sabato 14 Dicembre 2019
NOTIZIENOTIZIE

Torino Stadio Grande Torino, 26/11/2019 -

La leggerezza dell’essere è insostenibile, dice Milan Kundera, autore del suo omonimo romanzo, perché è uno schermo dietro cui nascondere la reale essenza della vita: la pesantezza esistenziale. E allora qual è la reale essenza del gioco del calcio se non la “pesantezza” di vincere, convincere, avere un’idea di gioco moderno e un andamento continuo di risultati per tutto l’arco del campionato, soprattutto se ti chiami Torino F.C. e hai una storia da difendere? E così subentra quella leggerezza della quale parlavamo prima, nella non consapevolezza di capire cosa significa indossare quella maglia granata. Retorica? Forse! Ma il dato di fatto è questo! Analizzando invece il profilo tecnico e dando una giustificazione pressoché plausibile di un Toro che dall’inizio di stagione non è stato all’altezza delle aspettative, diciamo che si riscontrano tutta una serie di errori che coinvolgono la dirigenza, l’allenatore e i giocatori. L’anno scorso la squadra di Mazzarri è stata una delle sorprese del campionato, grazie soprattutto a una fase difensiva di ottimo livello tecnico. Con la marcatura a uomo, l’aggressività a tutto campo e l’intensità di gioco, il Toro ha centrato una serie di risultati positivi che l’hanno collocato nei piani alti della classifica. La clamorosa annata di Salvatore Sirigu che ha parato di tutto e di più, ha dato poi tanta forza e consapevolezza alla difesa, ma anche al centrocampo e all’attacco, i quali si sono uniti in un unico monolito. E allora oggi che succede? La squadra è sempre guidata da Mazzarri ed ha sempre la solita fisionomia tattica in difesa con i suoi tre giocatori, che pur avendo gli stessi identici compiti nell’assegnazione delle marcature, spesso (soprattutto i centrali) vengono superati dall’avversario per leggerezza nell’intendere anche i meccanismi di certi movimenti di reparto che sono essenziali nel contrastare l’incedere dell’avversario. E poi manca anche la coesione con il centrocampo e l’attacco, dove si evidenza soltanto una fase offensiva che è orientata semplicemente sull’individualità. Questo non è calcio moderno, non è calcio propositivo e non è calcio arrembante, privo com’è di quegli stimoli concettuali in cui una squadra che è inferiore tecnicamente dell’avversario, non deve aspettarla ma deve aggredirla alta per inibire la fonte del gioco avversario. Detto questo, un appunto di negatività va fatto anche alla dirigenza granata e in primis al presidente Cairo il quale, nonostante il suo proverbiale modo di essere oculato in maniera maniacale, quest’anno ha speso una fortuna per comprare Verdi, un giocatore che non serve a questo Toro che ha ben altri problemi da risolvere dal punto di vista tecnico e dell’allenatore. Si pensi presto a prendere Davide Nicola, almeno per traghettare il Toro fino a fine stagione. Poi, se il risultato non sarà ancora soddisfacente, ci si orienti verso Roberto D’Aversa, un allenatore che vede il calcio da un’ottica moderna. Sì, perché il mondo granata non ne può più di vedere svanire l’interesse per il proprio campionato già a novembre, mese in cui ci si preoccupa delle squadre che sono in fondo alla classifica. Altro che fare voli pindarici!   

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro
  • ad un amico
   Seguici su Facebook

La tua Pubblicità Qui!

Tel.
Fax
e-mail : @.it
Responsabile Settore Pubblicità

Cell.

Info