William Hill Casino
calcio mercato

La tua pubblicità qui!
Contattaci

Domenica 5 Aprile 2020
NOTIZIENOTIZIE

Genova stadio Marassi, 19/12/2019 -

Se c’è qualcosa che il cultore del calcio spettacolo vorrebbe vedere con assiduità, è proprio il gesto tecnico di sopraffina classe prodotta dai geni del pallone. E allora, a prescindere dalle simpatie, dalle antipatie e dalle diverse fedi calcistiche, davanti a gol come quello fatto da Cristiano Ronaldo contro la Sampdoria, vale da solo il prezzo del biglietto con l’aggiunta di uno chapeau che equivale a un reverente ringraziamento per tanta bellezza. In fondo è quello che conquistò i tifosi della Juventus, quando alzandosi in piedi in uno stadio gremito di spettatori, applaudì a lungo il bellissimo gol in rovesciata con spalle alla porta di CR7, il quale in quella precisa occasione giocava ancora con il Real Madrid in Champions. La classe non è acqua. E neanche il tempo, che spesso affievolisce e opacizza la naturale freschezza della giovinezza, non permette a uno come Cristiano Ronaldo di fare un gol spettacolare di testa, saltando 2 metri e 56 centimetri con la straordinarietà di restare in sospeso da terra, aspettando di colpire la palla mentre due agguerriti avversari hanno fatto di tutto per ostacolarlo nell’area piccola. Incredibile, da restare senza parole. Ma non è la prima volta che l’attaccante pluripremiato di palloni d’oro e migliaia di altri riconoscimenti sportivi, compie imprese di questo genere. Già nel 2013, quando il bomber portoghese vestiva la maglia del Real Madrid, contro il Manchester United colpì di testa a 2,93 metri con una sospensione di 73 centesimi di secondo. E poi altri ne ha fatti in carriera di testa, sempre con lo stesso sistema. Dire che ci troviamo davanti a un fenomeno del calcio è come scoprire l’acqua calda, ma pensare che questo tenore del gol che il prossimo 5 febbraio compirà 35 anni e sappia mantenersi così in forma fisica e mentale, sembra davvero qualcosa di surreale. CR7 è un fenomeno del pallone, una sorta di extraterrestre cui l’età è solo un numero che non gli impedisce di essere ciò che lui è. Non sappiamo esattamente se tutto questo sia la naturale sintesi delle tante ore trascorse in maniera maniacale in palestra, fatto è che i muscoli delle cosce di Cristiano Ronaldo sono sempre  tonici così come i muscoli della parte superiore e del busto, i quali mostrano una totale assenza di grassi. A tutto questo c’è sicuramente una spiegazione scientifica che va di pari passo alla soggettività di un calciatore particolarmente volitivo nel curare anche l’aspetto mentale. E’ Cristiano Ronaldo, è CR7, è il campione che vola in alto, colpisce di testa, fa gol e poi quando torna con i piedi per terra, tutti si accorgono che ce l’ha solo la Juventus.

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro
  • ad un amico
   Seguici su Facebook

La tua Pubblicità Qui!

Tel.
Fax
e-mail : @.it
Responsabile Settore Pubblicità

Cell.

Info