William Hill Casino
calcio mercato

La tua pubblicità qui!
Contattaci

Domenica 9 Dicembre 2018
NOTIZIENOTIZIE

Torino Stadio Grande Torino, 11/11/2018 -

Pensiamo davvero che il popolo granata debba fare alcune considerazioni sulla propria squadra. Una su queste potrebbe essere ad esempio di non illudersi mai, se non a obiettivo raggiunto. Dopo le sperticate lodi dei giorni scorsi verso il Toro di Mazzarri che ha ottenuto una serie di risultati positivi ottenuti anche con l’ausilio del bel gioco, eccoci ancora a dovere parlare di una squadra immatura e poco incline a uno spirito di gruppo capace di dimostrare a se stessi di essere diventati definitivamente adulti. E’ bastato un Parma pimpante nelle ripartenze e concentrato a ferire con Gervinho e Inglese, che i granata si sono sciolti come neve al sole. Da dimenticare i primi 30/35 minuti che hanno messo in evidenza l’approccio sbagliato degli uomini di Mazzarri, incapaci di arrivare primi sul pallone e abulici nel contrastare le folate offensive della squadra di D’Aversa. Poi, dopo avere incassato incredibilmente le due reti del Parma, ecco scuotersi leggermente il Toro che ha accorciato le distanze con Baselli, prima della chiusura del primo tempo. Ma nel secondo tempo, nonostante Mazzarri si sia tolto la giacca per incitare i suoi, nulla di buono si è visto nell’intento di capovolgere il destino di una gara che sembrava già scritta. Così il tecnico toscano ha cambiato Djidji con Zaza, Soriano con Berenguer e Baselli con Parigini, rivoluzionando suo malgrado quel 3-4-2-1 di partenza che non aveva dato alcun risultato positivo. Ma il vero problema del Toro visto contro il Parma, non è stato tanto nell’intendimento tattico, quanto in un approccio mentale sbagliato che non ha tenuto conto dell’importanza di vincere e convincere per migliorare la propria classifica verso l’Europa, aumentando così il processo della propria autostima. Niente di tutto questo, perché il Toro è stato impaurito dalle ripartenze veloci degli avversari, ma anche da una superiorità a centrocampo che si è ben evidenziata in fase di costruzione di gioco e di interdizione. Il cielo plumbeo e quella pioggerellina insistente, sono stati l’emblema di una giornata da dimenticare per la squadra di Mazzarri. Resta la grande riflessione sull’incapacità di maturare una mentalità che non si addice a chi si infiamma improvvisamente e poi si spegne all’improvviso. Il calcio non si può interpretare a spizzichi e bocconi, ma soprattutto, non si può pensare di vivere di rendita in base a ciò che hai fatto prima di buono, perché c’è sempre chi all’improvviso ti castiga. E il Parma, oggi, ha castigato un Toro che è mancato proprio quando si è presentato a sostenere l’esame di maturità.

Salvino Cavallaro       

Salvino Cavallaro
  • ad un amico
   Seguici su Facebook

La tua Pubblicità Qui!

Tel.
Fax
e-mail : @.it
Responsabile Settore Pubblicità

Cell.

Info