William Hill Casino
calcio mercato

La tua pubblicità qui!
Contattaci

Mercoledì 20 Marzo 2019
NOTIZIENOTIZIE

Torino, 01/03/2019 -

E’ stato un rapporto difficile fin dall’inizio, quello di Allegri con i tifosi juventini. E mentre riecheggia ancora l’urlo iniziale “Noi Allegri non lo vogliamo”di quell’estate 2014 in cui l’allenatore di Livorno approdò alla Juventus, si pensa al lungo periodo di apparente quiete e all’empatia mai sbocciata. Neanche quando si è vinto tanto tra scudetti di fila, Coppe Italia e Supercoppa. Sì, perché a memoria la Juventus di Allegri non ha mai divertito i cultori del bel calcio. Lui ha sempre scelto la strada della sostanza. In fondo, Max Allegri, ha sposato la filosofia di una Juve in cui si esprimono chiaramente i concetti di vittoria, l’importanza di arrivare primi per scrivere la storia. “Vincere è l’unica cosa che conta”- si legge a chiari lettere entrando allo Juventus Museum, là dove non traspare mai la parola “Come”. Già, sembra una sottigliezza ma non lo è. Sì, perché da quel “Come” che manca al “Vincere è l’unica cosa che conta”, si evince chiaramente l’unica importante cosa. La sostanza del vincere a prescindere dal fatto che tu possa giocare bene o male. Così il Max Allegri si è attenuto ai concetti espressi con chiarezza dalla società, vincendo tutto in maniera non sempre brillante, snaturando le caratteristiche tecniche di alcuni suoi giocatori fondamentali, ma non vincendo mai la Champions nonostante due finali. Ecco, questo è un altro neo addebitato dai tifosi e dalla società ad Allegri, in un ciclo che non si può definire fallimentare (tutt’altro)ma che non si avvale (fino ad oggi) di quella CHAMPIONS CUP ritenuta ormai in casa Juve come qualcosa di doveroso. E non è un caso che questa estate la società è arrivata ad acquistare Ronaldo, il calciatore che di Champions ne ha vinte 5 ma che arrivato alla Juve a 34 anni con un contratto galattico, sembra non bastare ancora. Dunque, ci sono troppe cose che sembrano ormai giunte al capolinea tra la Juve, i tifosi e Allegri. Troppe cose che lasciano pensare a un addio forse anche fisiologico, dettato dalla convinzione che il lasciarsi diventa ciò che conviene a tutti. Aspettiamo dunque gli eventi, ma ad oggi, con l’aria pesante che si respira in casa Juve dopo la debacle subita al Wanda Metropolitano di Madrid ad opera dell’Atletico Madrid, questa sembra essere la strada da seguire fin dal prossimo giugno.

Salvino Cavallaro            

Salvino Cavallaro
  • ad un amico
   Seguici su Facebook

La tua Pubblicità Qui!

Tel.
Fax
e-mail : @.it
Responsabile Settore Pubblicità

Cell.

Info